Browsing Tag

lingue e letterature straniere

Expat Life Switzerland

Conferma ordine con diploma

Ovvero la precisione svizzera alla sua massima espressione. Settimana scorsa effettuo un ordine online su un sito svizzero che vende DVD. Felicissima, esaltata, ho trovato una bellissima offerta per quello che è uno dei nostri grandissimi guilty pleasures: Great British Railway Journeys. Sia io che Ste (ma Ste molto di più) siamo grandi fan di Michael Portillo* e delle sue peregrinazioni ferroviarie in giro per l’Inghilterra. Invio l’ordine e attendo. Gli svizzeri sono efficienti, si sa. Spediranno tutto prestissimo. Il…

Continue Reading

Life

Le lingue inutili

Molti di voi lo sanno, ma nella nostra famiglia gira una propensione. Un’ossessione, direi. Ecco, un profondo interesse per le lingue inutili. Vi spiego. Nell’anno 2001, fuggita dal terzo anno sprecato dietro a leggi e codici vari, mi trovo a scegliere le lingue per la facoltà di Lingue e Letterature Straniere. Prima lingua, chiaramente, l’Inglese. Perché ALittaM ama l’Inglese alla follia, lo venera sin da quando era piccola e non le sembra vero di poterlo finalmente studiare seriamente. Seconda lingua?…

Continue Reading

Life

Så att själen kan få ro

La mia passione per lo svedese e la Svezia nasce da queste due canzoni.La prima, “Byssan Lull” di Carola, l’ho scaricata per caso un pomeriggio in cui mi annoiavo. Ero una studentessa di legge perditempo con pochi esami al mio attivo. Qualche mese dopo ho deciso di mollare la giurisprudenza e fare quello che davvero volevo: studiare l’inglese. E come seconda lingua, quasi senza pensarci, ho scelto lo svedese.La seconda canzone, invece, “Öppna landskap” di Ulf Lundell, ce l’ha fatta…

Continue Reading

Life

Il dono delle lingue e delle letterature

Forse voi non la sapete, ma la sottoscritta é laureata in Lingue e Letterature Straniere.Una facoltà che viene considerata inutile dalla stragrande maggioranza della gente.Anche uno dei miei ex capi, dal canto suo, la riteneva completamente inutile, tanto da non poter fare a meno di farmelo presente al momento della mia assunzione. Io, pur rendendomi conto dell’umiliazione a cui mi sottoponeva costringendomi a essere d’accordo con lui pur di avere il lavoro, ho annuito con aria comprensiva mentre rivolgeva quei…

Continue Reading