Food Life Parenting

Come organizzare una festa per bambini

Tutti i genitori arrivano a quel punto della vita dei loro figli in cui non possono tirarsi più indietro: è arrivata l’ora di organizzare una festa di compleanno per la loro figlia. Ci sono i coraggiosi che iniziano da subito, chi cerca di rimandare il più a lungo possibile. Noi, al netto dei classici pranzi in casa con parenti e zii, abbiamo fatto la prima vera e propria festa di compleanno per Lucia l’anno scorso, quando ha compiuto 5 anni.

Quest’anno, immancabilmente, abbiamo replicato. E se il primo anno era un po’ una improvvisata, un insieme di gesti speranzosi, con il secondo anno siamo riusciti invece ad aggiustare un po’ il tiro. Ecco quindi alcuni punti salienti su come organizzare, senza troppo sbattimento, una festa per bambini.

La location

Noi abbiamo la fortuna di avere un piccolo giardino condominiale, con incluso un mini-parco giochi. Sufficiente da renderlo perfetto per le feste di compleanno, in abbinamento al nostro piccolo appartamento.

Gli inviti

So che molti preferiscono invitare quei pochi amici che rientrano nella “cerchia” dei loro figli. Noi no. Noi siamo democratici e non vogliamo far restare male nessun bambino facendolo sentire escluso. Per questo motivo, anche a costo di portarci in casa una folla di bambini, invitiamo sempre tutta la classe di Lucia.

Abbiamo sempre molta fiducia nel fatto che in molti non potranno venire, e infatti finora è sempre andata così: su 20 inviti consegnati, abbiamo il 50% di presenze. Consiglio di dare gli inviti circa 1 settimana prima della festa, ma di anticipare la data della festa a voce per gli amici più “importanti”, in modo da essere sicuri che almeno loro verranno.

Gli inviti li faccio io con InDesign (“Pregio di fare il lavoro che faccio“, parte 1), prendendo immagini e clipart online. Se non avete voglia di fare grandi lavori, potete scaricare direttamente dei template da compilare a mano o su uno dei vari photo editor gratuiti disponibili online. Ecco alcuni esempi (come potete notare, noi quest’anno abbiamo scelto My Little Pony come tema…): Invito 1 / Invito 2 / Invito 3| Invito 4 / Invito 5

Decorazioni

Noi abbiamo scelto un misto di decorazioni acquistate e fatte in casa. Visto il tema della festa, ho approfittato per stampare dei festoni, corone e cappellini a tema My Little Pony. Abbiamo appeso i festoni in salotto con l’aiuto del buon vecchio spago. Lo stesso spago è servito a chiudere i cappellini. Un grandissimo successo è stata la corona della festeggiata, stampata su cartoncino pesante e ritagliata. Facilissima e molto bella.

Questa è la corona di Lucia. Qui invece trovate tutte le cose stampabili a tema My Little Pony. Il sito MyShoppingBag.com ha molti oggetti simili, divisi per categoria e personaggi, che si possono stampare e realizzare in casa con grande facilità. Stra-consigliato.

Oltre a queste decorazioni, abbiamo acquistato: palloncini con bastoncini, pompetta per gonfiare i palloncini, tovaglioli e bicchieri vari.

Mangiare, bere, torta

Su questo io sono un po’ in bilico. Una parte di me vorrebbe fare pizzette e salatini surgelati, bottigliazza di Coca Cola e barattolone di Nutella in cui pucciare direttamente i biscotti. Un’altra parte, invece, vorrebbe offrire pane integrale con miele biologico e succo di mela locale.

Come sempre la soluzione sta a metà. Abbiamo preso succo di mela frizzante (che i bimbi svizzeri bevono come fosse acqua), acqua minerale e succhi di frutta. Patatine chips in una grande boccia, da pescare a mani libere. Popcorn caldi dal microonde, che sono stati un successone. Ho preso una ventina di panini al latte e li ho farciti metà di marmellata alle fragole, metà di Nutella. Un paio di vassoietti di biscotti assortiti, per dare un po’ di varietà. E poi alla fine la torta, anzi, LE torte.

L’anno scorso abbiamo chiamato una pasticceria. Dato istruzioni. Ritirato mezz’ora prima dell’inizio della festa perché non riuscivamo a farla stare in frigo e allora andava presa freschissima. Totale: un mutuo.

Quest’anno ha prevalso la pigrizia, ma soprattutto il senso pratico. Ed è entrato in gioco il “Pregio di fare il lavoro che faccio“, parte 2. Ho preso due torte Bindi. Una alle fragole, l’altra una millefoglie. Ovviamente zero cioccolato, perché alla festeggiata il cioccolato non piace. Si sono rivelate un’ottima scelta, sia per il palato che per il portafoglio.

Intrattenimento

Animatore? Trucca bimbi? Giammai. Io ho l’asso nella manica, chiamato Ste. Non si sa come mai, ma abbiamo scoperto la sua dote naturale: intrattenere i bambini. Li porta al parco giochi e si scatena con palloni, giochi da cortile, storielle assurde, disegni col gesso sul marciapiede. Li porta su in casa e prepara giochi da tavolo di vario tipo. Partecipa ai giochi insieme a loro. Li ascolta, li fa ridere, dà loro retta. Insomma, è un uomo da festa perfetto.

(alle ore 20.30, quella sera, Ste era riverso sul divano, felice e contento, e profondamente addormentato. È bravissimo, ma fare l’intrattenimento alle feste è stancante anche per un adulto)

Regalini

E che non vuoi regalare due cose ai bambini che vengono alla festa? Santo internet in aiuto! Abbiamo preso questo kit di giocattolini stupidi e leggeri, un bel sacchetto con oltre 100 pezzi, e li abbiamo distribuiti generosamente dentro dei sacchetti di plastica trasparente colorati che si trovano al supermercato. Abbiamo rincarato la dose con un paio di mini sacchettini di Haribo, di modo da dare al sacchetto un’aria piena e invitante. Ne abbiamo fatti 15, che non si sa mai. Et voilà! Successo assicurato.

Alcuni suggerimenti che ho imparato nell’arco di queste ultime feste:

  • Mettete un orario di arrivo e un orario di fine festa. In questo modo i genitori sapranno che non possono lasciare i bambini a oltranza. Noi, da bravi svizzeri, abbiamo fatto dalle 15 alle 18. Sono arrivati tutti entro le 15.15 e alle 18.10 se n’era andato l’ultimo bambino. Perfetto.
  • Liberate spazio in salotto spostando in camera da letto mobili e poltrone, e attaccando il tavolo alla parete.
  • Togliete dalla camera dei vostri figli i giochi con pezzi piccoli, delicati, giochi tipo sabbia cinetica e didò, puzzle e cose simili. Tenete i giochi da tavolo di quelli alla buona, i pupazzi, e altre cose solide che possono essere sbatacchiate in giro senza troppi problemi (è un ottimo modo, tra l’altro, per sbarazzarvi di molti giochi!)
  • Ci sarà sempre qualcuno che arriverà senza aver confermato. Tenete pronti dei regalini extra e porzioni extra di torta, che non si sa mai.
  • Cercate di avere sempre sotto controllo nomi e numeri dei vari bambini, perché potrebbe esserci bisogno di chiamare un genitore. Tipo perché un bambino piange perché vuole la mamma. E voi non sapete cosa fare. Non perché sia successo a noi, eh (ahem!).
  • Tenete comunque nascoste in frigo delle lattine di Coca Cola e Fanta, in caso di emergenza. Tipo nel caso che un bambino pianga e voglia la mamma (ahem!) calmatelo con una bibita zuccherina e frizzante.
  • Pranzo leggero prima, cena leggera dopo. Se i vostri figli sono come Lucia, saranno eccitati tantissimo prima, ed esaltati a mille dopo, con la pancia piena di zuccheri e pronti a crollare addormentati al primo momento di quiete.
  • Siate pronti perché la sera dopo la festa sarete tutti a letto prestissimo. Tutti, genitori inclusi.

 

Commenti

commenti

You Might Also Like

No Comments

    Leave a Reply

    25 + = 34