Food Travel Writing

A Crotone, a casa

Il papà di Ste mi raccontava sempre che Crotone le prime volte non gli era piaciuta molto. Lui, che veniva dal Veneto, a contatto con la Calabria più vera. Piena di storia, di passione, di natura, ma anche sporca, dimessa, disillusa. Una terra di estremi, difficile da digerire per chi viene da un Nord Italia educato, perbene, un po’ noioso ma efficiente.

E invece, diceva, più volte ci andava, più la amava. Crotone diventava parte di lui, del suo modo di essere, del suo DNA. Anche dopo che la mamma di Ste è mancata, lui ha continuato ad andare a Crotone, per via del bene che voleva sia alle persone che ci abitano che al luogo in sé.

Ecco, per me avviene una cosa simile. Ogni volta in cui vado a Crotone mi sento sempre più vicina al posto e alle persone. Parenti e amici di Ste, ma ormai, da tanto tempo, parenti e amici miei.

Anche questa volta è stato un ritorno a casa. Le stanze accoglienti della casa di Piazza Pitagora, il mare di fronte a casa di zio Antonio. Il mercato e le bancarelle del pesce, dove a Lucia hanno regalato un granchio. Anche questa volta i giorni sono volati sereni tra una festa e una passeggiata, e ho provato l’ebbrezza di vivere senza Wifi e senza computer.

Miei fedeli compagni sono stati il divano, una gigantesca sciarpa in cui mi sono avvolta e il mio Kindle: il mio regalo per le feste è stato il piacere di immergersi totalmente in un libro, di quelle letture che ti consumano ogni minuto libero e dalle quali è fisicamente doloroso staccarsi. Una sensazione che non provavo da tempo e che è stato bellissimo ritrovare.

Capodanno

1 Gennaio 2016, ore 0.03

 

Questo è stato il nostro Capodanno. In terrazzo, davanti al mare, a lanciare petardi, sventolare lucine e ammirare lo spettacolo dei fuochi d’artificio e delle lanterne lanciate in cielo. Lucia all’inizio spaventata dai rumori ma poi sempre più entusiasta della festa.

Lucia che ha fatto le ore piccole e il giorno dopo, dopo pranzo, ha dichiarato che voleva fare un pisolino ed è andata da sola a dormire, infilandosi sotto le coperte e dormendo per tre ore come una vera rock star che si ricarica dopo il concerto.

 

Nocillo

Nocillo fatto in casa

Il nocillo di zia Caterina, delizioso e aromatico. Fatto con noci ancora verdi, raccolte come da tradizione il 24 Giugno. Preparato con zucchero, alcool e una selezione di spezie segreta che cambia da famiglia a famiglia. Fatto riposare in un luogo soleggiato e poi messo a invecchiare, in bottiglia, in un armadio, al buio e al fresco, fino a quando lo si apre, il giorno di Natale.

In bocca si sentono tutto l’amore e la dedizione che lo hanno creato, ed è dolce e speziato e con un aroma di noce intenso. Ideale alla fine di un lauto pasto con di fianco un pezzo di pitta della Madonna.

 

Castelli

Le Castella

 

Santa Severina

 

Esplorando Santa Severina

 

Le Castella

 

Gite in giornata a Le Castella e Santa Severina. Due giorni a esplorare castelli, torrioni, ponti levatoi. Ad ammirare vestiti delle principesse e giocare alle catapulte e ai soldati. Perché sin da piccoli è importante sapere che si può essere tutto, cavaliere principessa fata mago e re, senza dover escludere uno in favore dell’altro, e che il mondo è pieno di avventure che ti aspettano.

 

Mare

Il mare a Crotone

Il mare a Crotone

Crotone, lungomare

Il mare in inverno

Il mare in inverno

 

Il mare e il suo potere. Ti calma nei giorni di sole, cullandoti con lo sciabordio delle onde sulla spiaggia. Ti riempie di energia e di adrenalina nei giorni di vento e tempesta, quando ti spruzza in faccia e i cavalloni si infrangono sugli scogli e il grigio del cielo e del mare si fondono all’orizzonte.

Abbiamo giocato sulla spiaggia con paletta e secchiello. Respirato l’aria frizzante. Ci siamo fatti bagnare dai cavalloni quando soffiava la burrasca.

 

Cibo

Peperoncino di Buscema

Peperoncino di Buscema

 

Arance e limoni biologici, regalo dei nostri amici dell’Agriturismo Il Querceto

 

Olive, deliziose olive in varie salse

 

Cotavelli al sugo di pomodoro, peperoni alla griglia, vino rosso

 

Il mercato di Crotone con tutto il suo ben di Dio

 

Peperoncino di Buscema

Peperoncino di Buscema

 

Mangiare come se non ci fosse un domani. Ogni volta che arriviamo a Crotone il nostro stomaco di apre, si dilata come se non mangiassimo da mesi. Divoriamo tutto quello che la zia ci mette sul piatto, pasta carne verdure sughi, e ne chiediamo ancora. Dichiariamo di essere sazi fino a scoppiare, e qualche minuto dopo ci vedete sgranocchiare un crustolo o una susumella. Ecco, questo è l’effetto di Crotone e dei suoi cibi che sembrano sempre più saporiti, buoni, freschi, di quelli che mangiamo a Lugano e Milano.

 

Ed è così Crotone, per me. Un rifugio in cui tornare in sintonia con noi stessi. Vederci con persone a cui vogliamo bene, passeggiare, rintanarci nel tinello a fare due chiacchiere, fare lunghe dormite nei letti che hanno ospitato generazioni di persone.

Salire sull’aereo al ritorno con il cuore triste ma felicemente pieni di nuovi ricordi (e con la valigia stracarica di roba da mangiare, altrimenti che gusto c’è?)

 

Cosa visitare

Le Castella – Le Castella (KR)
Spettacolare castello da esplorare in lungo e in largo

Castello di Santa Severina – Santa Severina (KR)
Vale la pena solo per il panorama mozzafiato che si vede arrivandoci e dalla cima del paese.

Duomo di Crotone e tutta la città vecchia con i suoi vicoli

 

Food shopping

Mercato di Crotone – tutti i giorni tranne la domenica
Frutta e verdura fresca ma anche carne, pesce, conserve fatte in casa e oggettistica varia

Buscema
Il regno delle spezie e delle conserve. Nostra meta fissa per fare scorta di peperoncino e covatelli

Salumeria da Antonio
Provole, salami piccanti, ricotta affumicata e molto altro. Anche questo ideale per la scorta da portare a casa.

 

Mangiare fuori

Agriturismo Le Puzelle
Cucina locale semplice e molto buona, preparata al momento e con prodotti di stagione o con quello che il cuoco ha a disposizione. Abbiamo pranzato di fianco a un camino scoppiettante.

Caffé Italia
Davanti al Duomo e al mercato. Un bancone di dolci da divorare tutti. Dalle graffe alla crema ai cannoli al pistacchio, fino alle susumelle di vario tipo.

 

Dormire

Agriturismo Il Querceto
Location fenomenale, in piena campagna, con piscina e alberi di agrumi ovunque. Camere semplici e tanta pace e silenzio per chi vuole stare immerso nella natura.

Commenti

commenti

You Might Also Like